Campionato nazionale Sport&Go 2024 Scopri

Il CSI Reggio Emilia per la scuola dell’infanzia: “Fiabe in Movimento”

Condividi:
Il CSI Reggio Emilia per la scuola dell’infanzia: “Fiabe in Movimento”

Il progetto “Fiabe in Movimento”, finanziato da Sport e Salute S.p.A. e dal Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stato proposto con successo a Reggio Emilia, con il contributo del Comitato territoriale CSI e della società Santos 1948, a circa 40 ragazzi della scuola elementare “Salvador Allende”.

Fiabe e sport possono coesistere? Chi ama lo sport molto spesso lo vive come una fiaba, soprattutto se arriva a certi livelli, ma in pochi riescono a coronare il sogno di diventare sportivi di grido; e allora proviamo a invertire i fattori e a rifare la domanda: le fiabe possono avvicinare i più piccoli al mondo dello sport? La risposta è assolutamente sì, e il CSI di Reggio Emilia ha toccato con mano questo importante risultato.

Grazie all’istruttore specializzato Lorenzo Cocconi dell’US Santos 1948, il CSI reggiano ha messo in campo il progetto “Fiabe in movimento”, un’attività proposta con successo alla scuola primaria “Salvador Allende” di Reggio Emilia, oltre che nella società sportiva US Santos.

In questo contesto, circa 40 bambini di 4-5 anni, coinvolti fra le attività con la scuola e quelle con l’attività sportiva, hanno accettato con grande entusiasmo (e con risultati evidenti) di vivere un’attività motoria in grado di accrescere e di consolidare le capacità sensoriali, percettive, motorie e sociali di ogni partecipante, che, grazie a questo progetto, si è sentito aiutato nell’intraprendere, anche se in modo tanto naturale quanto inconscio, questo importante cammino di crescita verso una migliore definizione degli schemi motori fondamentale in questa età della crescita.

Il progetto pilota è stato quindi un successo. Ora occorre soltanto investire energie per continuare a crescere nell’oggi, ma soprattutto nel domani dei nostri ragazzi e con un connubio così produttivo fra scuola e sport sembra davvero che il futuro possa sorridere a tutti.