CSI Milano: 80 anni volando alto con i piedi per terra

Sulle Terrazze del Duomo di Milano nasce il Club Amici del CSI. Evento esclusivo con più di 150 ospiti illustri ai piedi della Madonnina

Condividi:
CSI Milano: 80 anni volando alto con i piedi per terra

Tra le guglie di una delle cattedrali più famose al mondo, nella meravigliosa atmosfera del tramonto sul capoluogo lombardo, il CSI Milano ha proseguito la festa per gli 80 anni accogliendo larga parte della società milanese che lavora e coopera accanto allo sport di base. «Abbiamo scelto questa location -spiega il presidente di CSI Milano Massimo Achini- perché ci serviva un posto che ci facesse toccare con mano il nostro desiderio di volare alto con i piedi per terra, e siamo infinitamente grati alla Veneranda Fabbrica del Duomo e al suo Direttore Generale Fulvio Pradelli, per la straordinaria ospitalità». Un contesto d’impatto, per ringraziare tutti coloro che hanno camminato accanto al comitato in questi anni, con uno sguardo proiettato sulla strada ancora da compiere.

L’impegno per il futuro del “giovane ottantenne” Centro Sportivo Italiano, si è tradotto con la consegna ai presenti di una tessera simbolica, una sorta di card di adesione al Club Amici del CSI, che Achini, spiega così: «Pensiamo ad un gruppo di persone che sono nate e cresciute negli oratori, che ora ricoprono incarichi nelle istituzioni, nella società civile, nello sport di vertice, nel mondo delle imprese, nel mondo della comunicazione, e che hanno voglia di darci una mano a rendere ancora più forte e significativo il CSI valorizzando le società sportive di base».

In quest’ottica di collaborazione ampia con la società milanese sono stati moltissimi gli ospiti che, accompagnati dall’esibizione di cinque cameristi de La Scala di Milano, hanno raggiunto le Terrazze del Duomo. Tra i primi i rappresentanti dello sport professionistico, da Marco Riva presidente del CONI Lombardia, ai vertici di A.C. Milan, F.C. Internazionale A.C. Monza, Powervolley e Olimpia Milano, sino ad Andrea Monti, Direttore Comunicazione di Fondazione Milano Cortina 2026. Non sono mancati i volti delle istituzioni rappresentate dalla sottosegretaria allo Sport e Giovani di Regione Lombardia Lara Magoni, dall’assessora allo Sport del Comune di Milano Martina Riva con il collega di giunta Marco Granelli assessore alla Sicurezza, la capo di gabinetto della Prefettura di Milano Alessandra Tripodi e Maria Carla Gatto, presidentessa del Tribunale per i Minorenni di Milano. Le fondazioni, le Università Milanesi Cattolica, Statale e Bicocca, le realtà del Terzo Settore e le realtà diocesane come la Cordata Educativa, hanno risposto presente all’appello, così come la Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, rappresentata dal suo presidente Marco Giacchetti.

«Questi 80anni del CSI e dello sport in oratorio, ci dicono che l’oratorio stesso è stata la culla dello sport a livello nazionale -ha commentato Don Stefano Guidi, consulente ecclesiastico del CSI Milano e Direttore della FOM- Questo compleanno, però, non è un arrivo ma un trampolino di maturità e saggezza, di esperienza educativa incalcolabile per il numero di generazioni che hanno lavorato nelle nostre parrocchie accanto ai ragazzi attraverso lo sport. Tutto questo ha portato al CSI grande consapevolezza e voglia di rilanciarsi per i prossimi 80 anni».

Chiuso così il secondo prestigioso capitolo dei festeggiamenti, le luci sono ora puntate sulla Notte Rosa dello Sport del prossimo 21 e 22 giugno presso il Centro Sportivo Sandro Pertini di Cornaredo e, soprattutto, sul grandissimo evento del 14 settembre 2024, quando l’intera piazza Duomo sarà trasformata in un enorme spazio sportivo a cielo aperto, una grande palestra, un “campetto” che sarà invaso da migliaia di giovani.