Campionato nazionale Sport&Go 2024 Scopri

Ancora So Sport campione nazionale

A Ravenna il sestetto urbinate si conferma re del volley integrato

Quarta vittoria, seconda consecutiva, per la formazione marchigiana al torneo di pallavolo per disabili intellettivi-relazionali organizzato dal Csi. Argento agli Amici di Emmy e Chiara

Condividi:
Ancora So Sport campione nazionale

Come nel 2013 e 2014 e come nel 2019, in occasione dell’ultima edizione disputata prima della sosta obbligata dalla pandemia la So Sport Urbino si aggiudica anche l’edizione 2022 del campionato nazionale CSI (sedicesima del torneo “Oltre la siepe”) di pallavolo per disabili intellettivi-relazionali, portando così a 4 i suoi successi in questo evento, organizzato dal CSI Ravenna. Considerando anche i tre secondi e i quattro terzi posti, la formazione urbinate è tra le più titolate di questa manifestazione.

Il torneo, che assegnava anche il titolo italiano della Fisdir (Federazione italiana sport disabili intellettivi relazionali), si è giocato nella palestra Moretti di Punta Marina e nella palestra Dante di Lido Adriano e ha visto la partecipazione di 7 squadre provenienti da 6 province e 5 regioni.

Dopo avere vinto il proprio girone di qualificazione a tre squadre con tre successi e una sconfitta, la So Sport ha affrontato e battuto in semifinale la seconda classificata dell’altro gruppo, il Gasp Morbegno, che finirà con il bronzo al collo, per poi conquistare il titolo battendo in finale Gli Amici di Emmy e Chiara, a loro volta impostisi in semifinale sulla prima del girone B, il Fuori Onda Torino, finita quarta. A completare la classifica finale in base ai piazzamenti Roma 81, quinta, Oratorio del Murialdo Ravenna, sesto, e gli Sgammati di Cremona, settimi.

La So Sport Urbino ha portato a casa anche il premio per il miglior giocatore, assegnato a Luca Moretti; come migliore giocatrice è stata invece premiata Doralice Spinelli (Amici di Emmy e Chiara) mentre il premio fair play è andato a Virginia Rotondo, allenatrice dell’Oratorio del Murialdo.

L’evento ha goduto del sostegno della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.