Campionato nazionale Sport&Go 2024 Scopri

A Cagliari e Cesena i vescovi con la Junior TIM Cup

Mons. Miglio nel capoluogo sardo e Mons. Regattieri in Romagna hanno salutato alcuni dei giovani protagonisti nel torneo nazionale del calcio in oratorio

Condividi:
A Cagliari e Cesena i vescovi con la Junior TIM Cup

Una settimana ricca di appuntamenti e di incontri, quella appena vissuta dalla “Junior TIM Cup – Il calcio negli Oratori”, torneo di calcio giovanile Under 14 promosso da Centro Sportivo Italiano, TIM e Lega Serie A, che oltre all’aspetto puramente sportivo celebra e promuove quel patrimonio di valori, storie e buone pratiche che costituiscono il riferimento del progetto di TIM “Il calcio è di chi lo ama”. Due in particolare hanno sottolineato come lo sport possa essere uno strumento indispensabile e socialmente straordinario per accompagnare i più giovani durante il loro cammino di crescita educativo e formativo.

 

Lunedì 16 febbraio presso il Seminario Arcivescovile a Cagliari, in presenza del Vescovo Monsignor Arrigo Miglio si è svolto l'incontro con le delegazioni dell'Oratorio Parrocchiale di Ussana, dell'Oratorio Don Bosco Uras​, dell'​Oratorio Santa Luxia ​di ​Barrali ​e dell'O​ratorio Sant'Isidoro​ di​ Sinnai. 



Accompagnati dai rispettivi dirigenti ed allenatori i ragazzi hanno raccontato al Vescovo la loro entusiasmante esperienza vissuta durante le iniziative legate alla Junior TIM Cup - il calcio negli oratori: l'allenamento tenutosi con i calciatori del Cagliari Calcio presso il Centro Sportivo di  Assemini e la partita amichevole giocata allo stadio Sant’Elia nel pre-gara tra Cagliari e Roma.


Alla presenza del presidente del CSI di Cagliari Maurizio Siddi, durante l'incontro con il Vescovo, egli stesso appassionato di calcio, è stata consegnato da parte dei ragazzi degli oratori il pallone ufficiale della Junior TIM Cup.



Bell'incontro anche quello svolto mercoledì 18 a Cesena nell'occasione creata da Centro Sportivo Italiano Nazionale con la Lega Serie A e la TIM, dove giovani e massima istituzione diocesana si sono incontrati, parlati, studiati. Guidati dal presidente del CSI Cesena, Luciano Morosi, una delegazione di giocatori partecipanti alla fase locale della Junior TIM Cup, accompagnati dai dirigenti delle squadre e genitori, sono stati ricevuti in episcopio da S.E. il Vescovo Douglas Regattieri. Al presidente Morosi l'onere di presentare il torneo, le sue finalità e le motivazioni della presenza avvalorata dall'adesione di 6 oratori alla fase locale della Junior TIM Cup: Parrocchia San Giovanni Bono Cesena, Parr. San Filippo e Giacomo Bagnarola, Parr. Maria Immacolata Cesena, Parr. San Martino Calisese, Parr. Sacro Cuore Macerone, Parr. Sant'Egidio Abate Cesena  (tutte rappresentate all'incontro).

 

Il Vescovo ha voluto sottolineare la bellezza dell'avventura a cui i ragazzi sono chiamati, raccomandando di vivere bene l'esperienza, far valere al massimo i valori umani, rispettandosi durante le gare. La raccomandazione è stata quella di tendere al meglio, senza disprezzare chi perde e accettare senza drammi le sconfitte: "Siete piccoli uomini che stanno crescendo. Importante nel vostro sport è l'allenamento, ma ricordate che non siete solo muscoli, siete anche spirito e anche questo va tenuto allenato. Non dimenticate il Signore, se alla domenica dovete giocare andate a Messa in altri momenti, cercate di integrare i diversi valori, il cristianesimo non è contro lo sport". Parole semplici che hanno toccato il cuore di tutti.

 

Mons. Regattieri non ha mancato di sottolineare il valore dell'iniziativa Junior TIM Cup esponendo la maglietta nella foto di gruppo con il logo e slogan "il bullo è una palla". Al riguardo è stato comunicata la data, mercoledì 11 marzo dalle ore 17, della prossima iniziativa che vedrà tutte le squadre partecipanti alla Junior TIM Cup riunite presso il teatro della parrocchia Santa Maria Immacolata per una nuova attività denominata "piùbellimenobulli", un laboratorio dove verrà trattato il tema del cyberbullismo. Invitati i ragazzi, gli allenatori, i dirigenti, i genitori, gli educatori del CSI.