Campionato nazionale Sport&Go 2024 Scopri

Il Padel del CSI a metà tra Umbria e Piemonte

Concluso ad Asti il Campionato Nazionale di specialità

Delle 32 coppie finaliste vincono nel maschile due coppie del CSI Terni. Nel femminile è festa per un doppio del CSI Verbania, mentre nel misto a brindare è una delle coppie di casa dell’Asti Padel

Condividi:
Il Padel del CSI a metà tra Umbria e Piemonte

Concluse all’Asti Padel le finali del Campionato Nazionale CSI di Padel, dopo due giorni di sfide appassionanti. Trentadue coppie, portacolori di Lombardia, Umbria, Marche, Piemonte ed Emilia-Romagna, si sono affrontate nelle qualificazioni di sabato e negli scontri diretti di domenica 3 dicembre. Quattro gli scudetti assegnati dai rispettivi tornei: misto, femminile, maschile Pro e Rookie.
Complessivamente sono state disputate nel weekend tricolore piemontese ben 52 partite.
Ci sono voluti due soli set in finale per assegnare il titolo di campioni nazionali di padel nella categoria Pro, la più alta proposta dal CSI. A vincere è stato il tandem umbro formato dal 49enne Massimiliano Angelini e da Matteo Macchia. Con un doppio 4-2 la coppia ternana ha superato i padroni di casa Succio-Iuliano, dopo averli battuti anche nel girone di qualificazione del torneo. Tutta ternana la finale maschile nei Rookie. Il successo è andato alla coppia formata da Federico Corniolo e Riccardo Bigi, che dopo un sudatissimo primo set vinto per 4-3 hanno dominato il secondo, conquistando così il titolo. Applausi anche ai loro compagni di squadra, Andrea Nori e Daniele Biancifiori del CSI for Inclusive, società del Comitato umbro, che tornano da vicecampioni nella città di San Valentino. Astigiani doc i campioni del misto, con Elena Mazzoni e Massimo Giovetti capaci tra le pareti amiche dell’Asti Padel di superare in due set (4-1, 4-2) la coppia ternana formata da Letizia Costanzi e Daniele Diomei, altro bell’argento per il CSI Terni.
Nel tabellone femminile l’oro finisce a Domodossola, al collo dell’ottima Chiara Pianzola e della sua compagna nel CSI Sport Service Arianna Meschio. Lo scudetto arriva facile in finale: 4-0, 4-2 nei due set giocati contro la beniamina di casa, la più giovane del torneo, la 17enne di Chieri, Beatrice Scotto, e la sua compagna Nicole Crestani.
Soddisfatti per l’esito della manifestazione sia Luca Carbone, responsabile della Commissione Tecnica Nazionale CSI di Padel, sia Beppe Basso, Presidente del CSI Asti, per la qualità, l’amicizia, l’educazione e il rispetto messi in campo in una cornice come quella astigiana, che fuori dal campo ha regalato ai tanti giocatori venuti da altre regioni il calore e lo splendore dei mercatini di Natale. Nel clima di festa cittadino, immancabili nelle premiazioni finali le bollicine: Bosca, meravigliosa cantina partner dell’evento, con un’attenzione particolare rivolta al territorio e all’attività sportiva, ha infatti omaggiato i finalisti e i campioni arancioblu con un brindisi tutto speciale.