CSI Abruzzo: un sabato di musica, cultura e sport

Nel pomeriggio del 25 marzo, a Teramo, nell'ambito delle iniziative per l'anno Berardiano, l’incontro “Non solo sport: giovani sempre protagonisti con il CSI”

Condividi:
CSI Abruzzo: un sabato di musica, cultura e sport

Tre interventi introduttivi hanno segnato una giornata densa di attività nell’incontro “Non solo sport, giovani sempre protagonisti con il CSI”. Il presidente del CSI Abruzzo Alessandro Frattaroli ha ricordato l’impegno dell’associazione dalla sua fondazione e come la parola “educazione” accomuni la disciplina sportiva e quella musicale. Successivamente la vicepresidente provinciale Brunella Di Natale ha spiegato le intime connessioni tra musica e sport e come queste possano intervenire positivamente anche nelle prestazioni sportive. Don Jackson Pierre, assistente ecclesiastico del CSI, ha manifestato l’impegno della Chiesa nel perseguire, anche attraverso lo sport e le discipline musicali, quel legame con la fede che può essere veicolo di formazione della persona.

Si sono poi susseguite le esibizioni musicali del ragazzi aderenti al progetto GINS, che sta permettendo loro di frequentare gratuitamente i corsi musicali di pianoforte, violino e chitarre presso la sede del Comitato.

Infine l’intervento del presidente dell’Unicef Teramo, Gianmaria De Paulis, che ha rimarcato la significativa sinergia con il CSI (sono stati raccolti € 2.000 con la cena natalizia) e l’attenzione che è necessario riservare ai giovani, anche rispetto alle insidie che si nascondono nel web. L’incontro è terminato con l’invito del presidente teramano del CSI, Angelo De Marcellis, ai giovani «a non sentirsi soli nelle sfide della vita e a fare squadra per la crescita personale e lo sviluppo della comunità». Nel corso della giornata si sono svolti anche il Consiglio provinciale del CSI e lo stage regionale arbitri.