Campionato nazionale Sport&Go 2024 Scopri

È il Free Mountain il Superteam CSI

Concluso ad Andalo il 23° Campionato Nazionale di sci alpino

Lo sci club del CSI Bergamo conquista la classifica generale superando lo Scalve Ski Moving Bergamo e lo Sci Club Costabella Verona. Sulla neve della Paganella Ski Area il predominio orobico si vede anche dai suoi 14 atleti laureatisi campioni individuali nelle 18 categorie del campionato. Gli altri quattro ori vanno due a Padova ed uno a testa ad Asti e Vallecamonica

Condividi:
È il Free Mountain il Superteam CSI

Trionfa lo Sci Club Free Mountain del CSI Bergamo nel 23° Campionato Nazionale di sci alpino del Centro Sportivo Italiano, evento conclusosi domenica 19 marzo ad Andalo, che gode del contributo della Provincia Autonoma di Trento. I tempi ottenuti dagli sciatori lombardi nelle diverse categorie valgono il successo nella classifica generale, davanti allo Scalve Ski Moving Bergamo ed allo Sci Club Costabella Verona. Sempre dietro allo squadrone camuno, i veneti sono d’argento nel Trofeo Baby, la speciale graduatoria giovanile dedicata ai soli atleti sotto i 12 anni. Bronzo Baby camuno per lo Sci Club Rongai Pisogne. 
Sulle nevi della bellissima Paganella Ski Area, in tre giornate scaldate dal sole oltre che dall’energia sportiva delle gare, hanno sciato in 468: al cancelletto di partenza sulle diverse piste Traliccio, Sant’Antonio e Selletta, si sono affacciati 276 finalisti nelle categorie maschili e 192 in quelle femminili.
Il CSI ha guardato con molta attenzione ai 200 under 12 arrivati al traguardo delle tre prove trentine. Sono numeri promettenti per lo sci italiano, e nel Campionato Nazionale i loro sorrisi e l’entusiasmo in e fuori pista hanno rappresento il 40% dei finalisti della neve. 
Podi tutti orobici nel Trofeo SuperBaby maschile e femminile; nei Baby invece Amelia Icardi, la giovanissima piemontese della Nonsolosci Astineve, è campionessa nazionale, vincendo tutte le tre gare disputate ad Andalo. Sui pali giovanili, tra i cuccioli fa tris di successi anche il camuno Alessio Tignonsini, dello Sci Club Rongai Pisogne. Nella medesima categoria femminile la patavina Emma Giantin del Centro Agonistico Pataviu si laurea campionessa con 280 punti, con due ori negli speciali di apertura e un bronzo nelle 48 porte dello speciale domenicale. Poi sono tre società orobiche (Scalve Ski Moving,  US Olimpia,  Presolana Monte Pora) a festeggiare gli ori sul gradino più alto dei podi Baby. 
Undici campioni su dodici nelle categorie adulte dei Runners appartengono a società bergamasche. Nei 5751 punti complessivi del Free Mountain, vi sono quelli dei sei neocampioni nelle categorie Ragazzi, Allieve, Allievi, Lady, Criterium M e Giovani donne. Lo Scalve Ski Moving esulta per i tre suoi campioni nei Juniores, Senior e nei Master, en plein di successi nei tre slalom per loro. Tuta Goggi per la neocampionessa Ragazze; il campione nei Veterani è del Rovetta. L’unico campione Runners fuori dai comprensori sciistici delle valli orobiche è nei Veterani B, Matteo Teatini, del Centro Agonistico Pataviu. 
A premiare gli sciatori sul palco sono stati il presidente nazionale del CSI, Vittorio Bosio, insieme a Ruggero Ghezzi, direttore Paganella Ski. Non è mancata ai finalisti la vicinanza dell’assistente ecclesiastico nazionale, don Alessio Albertini, che, dopo aver celebrato la Santa Messa in paese nel pomeriggio di sabato, si è intrattenuto con i ragazzi e con le delegazioni presenti ad Andalo.

 

FOTOGALLERY